Come organizzare un trasloco? 10 consiglio per trasferirsi nella nuova casa con serenità

Pubblicato il
25 agosto 2020
Categoria
Comprare Casa

Settembre è alle porte, da sempre uno dei mesi più gettonati per mettere in pista cambiamenti, per sposarsi e per... cambiare casa! Il clima, ancora caldo ma non troppo, aiuta sicuramente, le giornate ancora abbastanza lunghe e il fatto di essersi magari ricaricati dopo qualche settimana di vacanza.  

Ma come organizzare un trasloco? Siete davvero pronti a spostare tutta la vostra vita da casa all’altra nella stessa città oppure persino cambiare completamente posto? Avete mai pensato di trasferirvi a Milano, dall’hinterland o da un’altra regione?  

Ecco 10 consigli su come impacchettare tutto al meglio, senza dimenticare nulla e senza incorrere in brutte sorprese mentre spostate scatoloni e iniziate a “popolare” la nuova location.

Traslocatori sì o traslocatori no  
Questo dipende da molte variabili, innanzitutto dalla distanza tra la vecchia e la nuova casa, oltre che dal fatto che abbiate il budget per assoldare una ditta specializzata in traslochi. Ci sono professionisti molto validi anche a buone tariffe però, non è quindi detto che accollarsi tutta la fatica da soli valga la pena, soprattutto considerando che si dovrà quasi sicuramente noleggiare un furgoncino. La ditta di traslochi, quindi, è una buona soluzione: vi basterà preparare gli scatoloni e poi penseranno a tutti loro, a caricarli sul camion, al trasporto e allo scarico. Se però siete tra quelli che non amano che degli “estranei” tocchino le proprie cose, allora meglio rimboccarvi le maniche e fare tutto da soli!

Richiedi un permesso in ufficio
Non tutti lo sanno ma la maggior parte dei contratti di lavoro dipendente italiani includono dei permessi speciali da richiedere per motivi familiari: il trasloco rientra tra questi e si può arrivare – a seconda del contratto – fino a 3 giorni di permesso retribuito, basta richiederlo per tempo al proprio datore di lavoro.

Hai avvisato il tuo ex padrone di casa?
Avete finalmente comprato casa dopo tanti anni di affitto? L'essenziale è che abbiate avvisato per tempo il vostro proprietario di casa. Di norma, si può recedere dall’accordo di locazione senza penali con un preavviso di 6 mesi, ma a volte questi termini sono più personalizzati e dipendono da accordi diversi tra le parti. 

Attenzione ad attivare tutte le utenze  
Acqua, luce, gas: ricordatevi di attivare tutte le utenze necessarie. Oggi è possibile fare molte di queste operazioni comodamente online, senza bisogno di recarsi in uffici fisici. Qui i termini tecnici possono confondere: se nella nuova casa i contatori sono presenti e attivi, basterà una voltura; se sono presenti ma non attivi, si parla di subentro; se non sono presenti, allora è necessario un vero e proprio allacciamento. Per molte case in classe energetica davvero alta, quelle più innovative ed efficienti, l’attivazione del gas non sarà necessaria, grazie allo sfruttamento della corrente elettrica prodotta dai pannelli solari. Termosifoni e fornelli a gas... addio!
E non solo, se avete bisogno di una connessione internet veloce, ad esempio se lavorate da casa, allora informatevi della presenza in zona della fibra: può davvero fare la differenza.

Cambio di residenza e incombenze burocratiche  
Dovrete recarvi in Comune entro 20 giorni dal trasferimento per comunicare all’Ufficio Anagrafe il vostro nuovo indirizzo. Questa operazione è necessaria per poter poi accedere a tutta una serie di servizi legati proprio alla zona di residenza, come il medico di base o l’iscrizione all’elenco elettorale. 

Come imballare tutto senza rompere nulla
Se avete un negozietto o un piccolo supermercato di fiducia, potreste chiedere la cortesia di prendere qualche scatolone – altrimenti comunque destinato al riciclo – per imballare i vostri oggetti. 
Se reperire gli scatoloni diventa troppo complicato, ci sono aziende specializzate che li vendono online, appositamente per i traslochi e quindi ben rinforzati. 

Parola d’ordine: decluttering  
Proprio per non avere troppa roba da spostare, il trasloco è il momento perfetto per seguire i dettami di Marie Kondo e fare un po’ di decluttering. Cosa significa? Letteralmente “fare spazio”, cioè buttare tutto il superfluo e tenere solo ciò che serve davvero: oltre a favorire l’ordine in casa, questa attività darebbe anche enorme giovamento a livello emotivo, perché la pulizia e un ambiente più ordinato e minimale sono un vero toccasana per l’umore e per la mente in generale. In effetti, in occasione del trasloco, perché spostare kg e kg di vestiti vecchi da un armadio all’altro? Approfittatene per buttare tutto ciò che non mettete più, avrete scatoloni più leggeri... e anche il cuore!

Finalmente avrai un giardino?
Era il sogno della tua vita: dopo anni in quel monolocale con solo un minuscolo balconcino, finalmente hai trovato un appartamentino al pianterreno con un piccolo giardino oppure un delizioso attico con terrazzino con vista sullo skyline di Milano. Ok, però questo implica che dovrai anche arredarlo.  Sì, anche gli esterni vanno arredati per poterli vivere al meglio: una tenda o un piccolo gazebo possono essere molti utili per poter stare fuori anche se piove, così come un bel tavolo da esterno con sedie è l’ideale per poter fare l’aperitivo in terrazza. 

Avvisa tutti gli interessati del cambio di indirizzo
Ricordati di notificare il cambio di indirizzo ovunque potrebbe servire, dal tuo account Amazon all’Amministrazione della tua azienda, in modo da continuare a ricevere servizi e comunicazioni necessarie.

Inaugurazione della nuova casa 
Sembra una consuetudine più d’Oltre Oceano che nostra, ma sta prendendo sempre più piede: una bella festa di inaugurazione della casa è davvero un modo perfetto non solo per mostrare il frutto delle vostre fatiche a parenti e amici, ma anche per conoscere i nuovi vicini e predisporre da subito un rapporto amichevole e positivo.  

Trova la casa giusta, sempre e ovunque

Scarica l'App per ottimizzare e gestire le tue ricerche

Scarica l'app Scarica l'app