Comprare casa all'asta: guida completa

Pubblicato il
06 aprile 2020
Categoria
Comprare Casa

Vuoi riuscire a risparmiare ottenendo un immobile di grande valore in una delle migliori zone di Milano? Comprare una casa all’asta può essere la soluzione che fa per te.

È dimostrato statisticamente che, un immobile acquistato tramite asta immobiliare, può regalare un risparmio dal 20% al 50%: un’occasione unica, per chi cerca una soluzione conveniente. I vantaggi non sono dovuti unicamente al prezzo: sono molteplici, così come molteplici sono però anche i rischi. Soprattutto se non si conosce bene l’argomento. Per questo è meglio informarsi sulla giusta procedura, così da poter acquistare un immobile tramite il tribunale senza incorrere in brutte sorprese.

Ecco dunque cosa c’è da sapere per comprare una casa all’asta.

Perché una casa va all’asta?

Quando riesci a trovare una casa all’asta di tuo interesse, devi considerare che si è giunti a questa fase dopo un percorso lungo e complicato. 

Ci sono infatti diverse ragioni che portano una casa a finire in un’asta giudiziaria:

●       mancato pagamento del finanziamento alla banca dopo aver chiesto un mutuo ipotecario

●       fallimento che porta gli immobili di proprietà al pignoramento e all’asta

●       vendita di un bene immobiliare da parte di un ente pubblico 

Chi può partecipare ad un’asta?

Le condizioni convenienti che riguardano le case all’asta possono attirare chiunque. Ricordati infatti che tutti possono partecipare ad un’asta giudiziaria, tranne il debitore esecutato. 

Il valore di partenza (la base d’asta) viene stabilito dal tribunale, in base alle indicazioni fornite dal perito che ha potuto valutare l’immobile. Il prezzo può essere maggiorato dai partecipanti, con un minimo di rialzo stabilito dall’ordinanza di vendita. 

I rischi di comprare una casa all’asta

Non solo benefici: comprare una casa all’asta comporta anche diversi rischi. Ci sono tanti addetti ai lavori che potrebbero essere interessati al suo acquisto, motivo per cui è fondamentale non commettere errori. 

I più comuni?

●       Prestare poca attenzione alla ricca documentazione per conoscere eventuali vincoli, anomalie ed oneri.

●       Non visionare l’immobile in caso di dubbi (puoi contattare il curatore fallimentare e fissare un appuntamento).

●       Non considerare la serie di costi che prevede l’acquisto di una casa come gli oneri da sostenere, le spese notarili, le imposte e gli eventuali costi per accendere un finanziamento.

●       Farsi prendere la mano durante l’asta e perdere di vista il tetto massimo che sei disposto ad offrire.

●       Non avere subito a disposizione il 10% del prezzo per partecipare all’asta giudiziaria.

●       Non fare i conti con i tempi stabiliti dal tribunale: se non saldi la somma promessa entro 60 o 90 giorni dall’asta, perdi la caparra versata e sei costretto anche a sostenere gli eventuali altri costi addebitabili.

●       Non sapere che l’immobile può essere occupato, o che può non esserci una data per la liberazione del bene.

Come si presenta l’offerta per comprare una casa all’asta

Se sei davvero interessato ad una casa all’asta, dopo aver conosciuto tutti i dettagli puoi presentare l’offerta. Per farlo devi tenere in considerazione tutte le informazioni necessarie per partecipare nel modo corretto a quella determinata asta giudiziaria: puoi anche scegliere di affidarti a professionisti che si occupano proprio di queste attività, e che hanno anni di esperienza nel settore. 

La presentazione dell’offerta prevede un assegno circolare in busta chiusa pari al 10% del prezzo proposto, che dovrà essere consegnato nel luogo indicato nell’ordinanza del tribunale. La caparra deve essere presentata entro i termini stabiliti, insieme ad una fotocopia del proprio documento di identità e del codice fiscale, oltre ai documenti richiesti nell’ordinanza.

Mutuo per una casa all’asta, si può fare?

Se vuoi acquistare casa all’asta puoi accedere ad un mutuo ipotecario. Il mutuo per una casa comprata all’asta prevede che venga iscritta sull’immobile acquistato un’ipoteca volontaria di primo grado. Devi però capire quali sono gli istituti e le banche che prevedono tra gli strumenti per i loro clienti anche l’erogazione di un finanziamento per l’acquisto in asta. 

Tra le opzioni previste per aiutarti nell’acquisto di una casa all’asta c’è la pre-fattibilità dell’operazione di mutuo, che permette quindi di avere la certezza di un finanziamento e di presentarti così all’asta. In questo modo puoi tranquillamente alzare il prezzo, e toccare il tetto massimo fissato per ottenere con più facilità la casa. Da valutare anche gli istituti di credito che concedono un mutuo al 100% del prezzo di aggiudicazione dell’asta. In questo caso, il mutuatario paga i costi accessori, ma questa possibilità dipende dal valore dell’immobile ipotecato. 

Comprare una casa occupata all’asta

Statisticamente comprare una casa occupata all’asta ti può far risparmiare almeno il 20% sul prezzo ma è una pratica ricca di insidie. Per conoscere se una casa all’asta è occupata devi rivolgerti al custode giudiziario, che potrà darti tutte le informazioni necessarie sull’immobile. 

Quando una casa va all’asta, il giudice emana un’ingiunzione che obbliga il proprietario o l’inquilino moroso a liberare l’immobile. In genere, però, questi si rifiutano di abbandonare la casa. Dopo che l’immobile viene acquistato, se non si trova un accordo informale, l’avvocato dell’acquirente dovrà inviare una lettera di diffida con il termine massimo entro cui liberare l’immobile. Successivamente in caso di mancato abbandono della casa si passerà all’atto di precetto di rilascio dell’immobile. Gli altri due (eventuali) passaggi successivi sono l’intervento dell’ufficiale giudiziario e lo sfratto per morosità. Se invece in una casa all’asta occupata ci sono minorenni, c’è la possibilità che il giudice decida di far liberare la casa solo al raggiungimento del diciottesimo anno di età del minore. 

A prescindere dal possibile risparmio, spesso comprare una casa occupata all’asta può dunque portarti a sostenere spese notevoli, superiori all’acquisto di una casa senza inquilini. Ecco perché devi ponderare bene la tua decisione.

Trova la casa giusta, sempre e ovunque

Scarica l'App per ottimizzare e gestire le tue ricerche

Scarica l'app Scarica l'app