Chi può ottenere un mutuo?

Pubblicato il
23 aprile 2020
Categoria
Comprare Casa

La casa dei tuoi sogni l’hai trovata. Hai individuato il quartiere di Milano in cui andare a vivere, l’abitazione giusta per le tue esigenze. E, magari, hai già fatto qualche simulazione online per capire quanto capitale una banca ti potrebbe erogare e con quale rata mensile. Ma quali sono i requisiti per il mutuo prima casa?

Fermo restando che puoi richiedere l’accesso al Fondo di garanzia, se hai meno di 35 anni (o se il tuo compagno/a ha meno di 35 anni) o in diversi altri casi previsti dalla Legge, sappi che per ottenere un finanziamento cospicuo come il mutuo devi soddisfare determinate caratteristiche. Scopriamo insieme quali.

Tutti i requisiti necessari per avere un mutuo

I requisiti per ottenere un mutuo sono di tipo legale, economico e finanziario. Innanzitutto, è necessario avere la cittadinanza italiana o di un altro Stato membro della UE (oppure regolare residenza in Italia se si proviene da un Paese extra UE) e avere 18 anni compiuti; esiste poi un limite massimo d’età, in quanto le banche solitamente non concedono mutui a persone che - prima della fine del piano di ammortamento - raggiungano i 75 o in alcuni casi gli 80 anni d’età.

I requisiti per un mutuo prima casa più importanti, però, sono quelli legati alla propria situazione finanziaria. In particolare:

●       non bisogna essere stati segnalati come cattivi pagatori dalla Centrale dei Rischi o dai SIC (Sistemi di Informazioni Creditizie);

●       si deve dimostrare di essere in grado di restituire il prestito.

È proprio il reddito, infatti, a contare di più: le banche esaminano la dichiarazione dei redditi e l’eventuale altra documentazione richiesta e si basano sul rapporto rata/reddito. Qual è la percentuale giusta? In genere, la rata non deve pesare più del 30-35% sul reddito familiare mensile netto. È in questo modo che viene calcolato a quanto la rata dovrà ammontare, considerato il tasso d’interesse rilevato alla data della valutazione (ed eventualmente ricalcolato poi il giorno della stipula).

La banca controllerà poi che il richiedente non abbia partecipazioni in società suscettibili di fallimento (facendo una verifica presso la Camera di Commercio), e valuterà la sua storia creditizia accertandosi che non vi siano protesti e che - per gli eventuali prestiti passati - abbia sempre saldato puntualmente le rate.

Come richiedere un mutuo

Sappi che, solo raramente, le banche finanziano il 100% del valore dell’immobile: molto più spesso si fermano all’80%. Per determinarne il valore si basano sulla relazione del perito: è in questo modo che stabiliscono se, tale immobile, è una garanzia sufficiente per la concessione del mutuo (occhio dunque a comprare casa a prezzi fuori mercato!).

Affinché l’istituto di credito analizzi la tua situazione, dunque, dovrai presentare:

●       certificato di nascita

●       certificato di stato civile oppure estratto dell'atto di matrimonio

●       copia del compromesso

●       planimetria dell'immobile e delle eventuali pertinenze

●       copia del certificato di abitabilità

●       copia dell'ultimo atto di acquisto dell'immobile

Se sei un lavoratore dipendente dovrai fornire:

●       dichiarazione del datore di lavoro sull’anzianità di servizio

●       ultima busta paga e ultimo modello CUD (o 730)

Se sei invece un lavoratore autonomo dovrai presentare:

●       copia del modello Unico

●       estratto della Camera di Commercio Industria e Artigianato e/o attestato di iscrizione all’Albo professionale

Una volta esaminata la tua situazione personale e finanziaria, la banca sarà in grado di decidere se - quel mutuo - te lo può concedere o meno.

Trova la casa giusta, sempre e ovunque

Scarica l'App per ottimizzare e gestire le tue ricerche