Bonus affitto 2020: come ottenere il contributo coronavirus

Pubblicato il
19 novembre 2020
Categoria
News Casa e Immobiliare

Il bonus affitto 2020 è un’agevolazione stabilita dal decreto ristori bis, che garantisce un credito d’imposta del 60% ad attività ed esercenti per i contratti di locazione fino a dicembre 2020 compreso.  

Questo contributo coronavirus riguarda quindi espressamente le partite IVA legate a imprese e non gli affitti residenziali di privati cittadini per la propria abitazione. 

Il bonus affitto del 60% si va a configurare come un ulteriore tassello nel supporto e nel rilancio dell’economia nazionale, come la cancellazione della seconda rata dell’IMU, soprattutto per quelle attività fortemente impattate dall’emergenza coronavirus e, in particolare, dalle restrizioni del nuovo lockdown in vigore da ottobre con gradi differenti nelle varie Regioni d’Italia.  

Chi può fare richiesta per il bonus affitto 

Questo bonus è stato esteso e copre i mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020: non tutti gli esercenti possono, però, inoltrare la richiesta per ottenerlo. 

La prima caratteristica per poterlo richiedere è il fatto di essere una delle imprese che possono accedervi. L'ultima versione del decreto ha aggiornato e incrementato la lista di codici ATECO che possono fare richiesta per ottenere questa agevolazione per la propria attività. 

Non solo: è anche essenziale poter dimostrare, alla luce del nuovo decreto ristori, di aver subito una perdita di fatturato pari o superiore al 50% rispetto al mese corrispondente dell’anno precedente. 

Trova la casa giusta, sempre e ovunque

Scarica l'App per ottimizzare e gestire le tue ricerche