Sospensione mutuo: come richiederla a fronte dell'emergenza coronavirus

Pubblicato il
09 aprile 2020
Categoria
News Casa e Immobiliare

 

Attiva dal 30 marzo la possibilità di inoltrare la richiesta per la sospensione mutuo, introdotta dal Governo all’interno del decreto “Cura Italia” tra le misure di sostegno ai cittadini che stanno subendo un contraccolpo economico a causa dell’emergenza scatenata dal cosiddetto Covid19

La chiusura di molte realtà aziendali e l’impossibilità per un grande numero di italiani di recarsi sul luogo di lavoro, dovute proprio al coronavirus, ha portato a introdurre questa agevolazione straordinaria.   

Si tratta, sostanzialmente, della possibilità di vedersi congelare le rate del mutuo in atto – con alcune limitazioni, che approfondiremo più avanti – per un periodo di massimo 18 mesi. Le suddette rate verranno poi riprogrammate in coda alla fine del proprio finanziamento, ma stornate di una buona quota di interessi, perché il 50% degli interessi verrà coperto dal Fondo stesso. La quota capitale, ovviamente, non cambia e sarà comunque corrisposta dall’intestatario del mutuo, insieme al restante 50% degli interessi.  

Vediamo chi ha diritto di usufruirne e come presentare la domanda.  

Chi può accedere alla sospensione del mutuo 

Inizialmente pensato solo per lavoratori pubblici e privati dipendenti, il provvedimento è stato poi ampliato anche a lavoratori autonomi e professionisti.  

Possono presentare la domanda tutti coloro che possano dimostrare di aver avuto una sospensione dal lavoro o una riduzione di almeno il 20% delle ore, per almeno 30 giorni. Le rate sospese saranno proporzionali alle giornate lavorative perse: sei mesi di stop per sospensioni o riduzioni tra i 30 e i 150 giorni, un anno di stop tra 151 e 302 giorni e il massimo di 18 mesi quando si superano i 303 giorni.  

Inoltre, il mutuo stesso deve rispettare precisi requisiti, ossia:  

  • Deve essere stato stipulato da almeno un anno; 
  • Deve riguardare la prima casa e l’abitazione principale; 
  • Non deve essere acceso per immobili di lusso, tanto che l’importo massimo dell’intero mutuo non deve superare i 250.000 euro. 

Come presentare la richiesta di sospensione delle rate del mutuo 

La domanda va presentata attraverso la compilazione di un apposito modulo online.  

Per ottenere la sospensione del mutuo, bisogna anche presentare documentazione aggiuntiva, anche se alcuni documenti normalmente obbligatori sono ora considerati non necessari. Ad esempio, non c’è necessità di fornire l’ISEE, perché il reddito del soggetto non è, in questo straordinario caso, una discriminante.  

Bisogna, invece, includere nella richiesta:  

  • Per i dipendenti, un documento fornito dal datore di lavoro, che attesti la sospensione o riduzione del lavoro; 
  • Per gli autonomi, un’autocertificazione che attesti la riduzione del fatturato medio giornaliero di almeno il 33%, comparando l’ultimo trimestre con il corrispondente trimestre del 2019. 

La sospensione del pagamento delle rate di mutuo non implica, ovviamente, l’applicazione di nessun tipo di commissione o spesa di istruttoria. 

Trova la casa giusta, sempre e ovunque

Scarica l'App per ottimizzare e gestire le tue ricerche

Scarica l'app Scarica l'app