Area B: guida completa a orari, varchi e a quali veicoli possono entrare

Pubblicato il
08 aprile 2020
Categoria
Vivere a Milano

Entrata in vigore a fine febbraio 2019, l’Area B è una zona a traffico limitato che comprende il 72% del territorio del Comune di Milano, per un totale di circa 128,29 km2. Si tratta di un progetto nato per fronteggiare il superamento dei limiti di particolato e Nox: una necessità, questa, che ha portato al divieto di accesso e circolazione per determinate categorie di mezzi, sulla base della classe di inquinamento indicata sul libretto. 

L’Area B è attiva dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 19:30, festivi esclusi. Ma vediamo nel dettaglio come funziona.

I varchi dell’Area B Milano

Sono ben 187 i varchi dell’Area B del Comune di Milano. In sostanza, tutte le strade di ingresso alla città. 

Inizialmente erano state accese 15 telecamere: Anassagora, Pirelli, Sarca, Giuditta Pasta, Gallarate, Tofano, Basilea, Zurigo, Gonin, Baroni, Cassinis, Rogoredo, Carlo Feltrinelli, Mecenate, Fantoli. 

Dal 7 gennaio 2020 le nuove 10 telecamere sono state collocate in via Corelli, Camillo e Otto Cima, Rubattino, Caduti di Marcinelle, Monneret de Villard, Carnia, Palmanova e Palmanova altezza ponte della ferrovia, Cambini, Clitumno. 

Altre 10 sono state posizionate il 13 gennaio presso via Assietta, Gabbro, Bovisasca, Oriani, Certosa 1 e Certosa 2, Bressanone, Gallarate, Capodistria e Montefeltro. 

È possibile consultare la cartina e la mappa dettagliata dell’Area B di Milano sul sito ufficiale del Comune, a questo link. Anche perché, le restrizioni della zona sono progressive. E (almeno) fino al 2030 continueranno a crescere.

Area B Milano, le auto che non vi possono accedere

Ma quali sono le tipologie di vetture che non possono accedere all’Area B? Ecco l’elenco completo con tutte le introduzioni: 

·     1° Stop - 25 febbraio 2019 Benzina Euro 0. Diesel Euro 1, Euro 2, Euro 3

·     2° Stop - 1° ottobre 2019  Diesel Euro 4

·     3° Stop - 2020        Benzina Euro 1

·     4° Stop - 2024        Diesel Euro 5

·     5° Stop - 2025        Diesel Euro 6

Chi può circolare nell’Area B

Ovviamente ci sono tipi di veicoli che possono circolare nell’Area B durante gli orari in cui sono attivi i varchi, senza alcuna limitazione. I mezzi cui è consentito l’accesso non devono pagare alcuna tariffa

Ecco l’elenco completo:

Veicoli immatricolati per il trasporto delle persone:

●      Autoveicoli Euro 5 e 6 benzina

●      Autoveicoli GPL, metano, bifuel, ibride ed elettriche

 

Veicoli immatricolati per il trasporto delle merci

●      Autoveicoli Euro 5 e 6 benzina

●      Autoveicoli GPL, metano, bifuel, ibridi ed elettrici

 

Ciclomotori e Motoveicoli

●      Ciclomotori e Motoveicoli a due tempi di classe Euro 5, a benzina 4 tempi di classe Euro 4 e Euro 5

●      Ciclomotori e Motoveicoli GPL, metano, bifuel, ibridi ed elettrici​

 

Altre categorie di veicoli

●      Velocipedi senza obbligo di registrazione.

●      Autoambulanze senza obbligo di registrazione (in quanto riconoscibili dalla targa).

●      Veicoli delle Forze Armate, delle Forze di Polizia, della Polizia Locale, della Croce Rossa Italiana, degli Ospedali, della ATS, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile senza obbligo di registrazione in quanto riconoscibili dalla targa speciale.

●      Veicoli che espongono il contrassegno invalidi, il cui titolare sia a bordo del veicolo.

●      Veicoli per trasporti specifici muniti permanentemente di speciali attrezzature per il trasporto dei disabili motori.

●      Veicoli di enti che agiscono nel settore dell’assistenza socio-sanitaria per l’espletamento delle prestazioni gratuite di pronto soccorso e di assistenza pubblica.

●      Veicoli in uso agli operatori sociali riconosciuti dall’Amministrazione comunale di Milano, che agiscono nel settore della salvaguardia degli animali sul territorio della Città di Milano e per i veicoli di proprietà o in uso esclusivo agli operatori sociali convenzionati con ospedali e ASL siti all’interno del Comune di Milano.

Area B Milano, le misure per i residenti: deroghe e incentivi

Il Comune di Milano ha previsto misure per facilitare gli automobilisti, in particolare per i residenti che hanno dovuto adattarsi all’Area B. Anche in questo caso sono state attuate delle deroghe progressive.

Dopo una prima regolamentazione nel 2019, nel 2020 - per mettersi in regola - sono stati concessi 25 giorni (previa registrazione sul portale dedicato) dall’entrata in vigore del regolamento per residenti e lavoratori all’interno dell’Area B, oltre che per le vetture di interesse storico (più di 30 anni e con Certificato di Rilevanza Storica); 5 invece i giorni (previa registrazione sul portale dedicato) per i non residenti e per le imprese con sede operativa fuori Milano.

Gli incentivi previsti dal Comune di Milano hanno coinvolto micro, piccole, medie imprese e imprese artigiane con sede legale a Milano e nei comuni della Città Metropolitana. Nel biennio 2018/2019 il Comune ha stanziato 5.930 milioni di euro per l’acquisto di veicoli a basso impatto ambientale; 400.000 gli euro destinati a tassisti e NCC nel biennio per rottamare la loro auto e cambiarla con modelli a minor impatto ambientale. Per conoscere le ultime variazioni nelle regole dell'Area B è possibile contattare il Comune di Milano.

Area B Milano, le sanzioni previste

Una volta esaurito il bonus di 25 giorni, si rischia di incorrere in una sanzione di 80 euro per aver infranto il divieto. Rispetto all’Area C non è previsto un ticket di ingresso per l’Area B: semplicemente, alcuni veicoli non vi possono entrare.

Trova la casa giusta, sempre e ovunque

Scarica l'App per ottimizzare e gestire le tue ricerche