Metropolitana di Milano: storia, costruzione e curiosità

Pubblicato il
06 ottobre 2020
Categoria
Vivere a Milano

A Milano, la metropolitana è il mezzo di trasporto d’eccellenza. Ma tu la conosci la sua storia?

La storia delle prime linee milanesi risale a un lavoro dell'ingegner Borioli Baldassarre: era l'inizio del '900, e il progetto prevedeva la creazione di una cintura ferroviaria distante dal centro 9 km e dotata di 8 stazioni, ciascuna delle quali collegata ad altrettante linee sotterranee disposte a raggiera. L’origine era in piazza del Duomo.

Metropolitana di Milano, i primi lavori

I lavori iniziarono all'altezza della fermata di Buonarroti nel giugno 1957, e proseguirono poi in direzione ovest verso piazzale Lotto, per dirigersi infine verso est e nord, collegando il Duomo e il comune di Sesto San Giovanni (Sesto Marelli).

Il primo tracciato contava 21 fermate per una lunghezza totale di 11,8 km. Nel '64 era in programma la costruzione della seconda diramazione in direzione sud-ovest, ma questa divenne operativa solo due anni più tardi, nel '66. Le stazioni della nuova linea furono disegnate dallo studio di architettura Franco Albini e Franca Helg e, il primo collaudo del tracciato, venne effettuato con una vettura tranviaria il 14 agosto del 1962. La prima vettura (matricola 101) della metropolitana entrò in galleria il 10 dicembre dello stesso anno dallo scivolo provvisorio installato davanti al Castello Sforzesco.

Una piccola curiosità: per la metropolitana furono scelti i colori rosso e bianco per treni e segnaletica perché richiamano i colori dello stemma della città di Milano.

La nascita della Linea 2

Nel 1966 la metro rossa milanese contava ben 24 stazioni, arricchita dalla nuova diramazione di Gambara che aggiungeva 1,5 km alla rete metropolitana. L'inaugurazione del primo tratto della Linea Verde si ebbe invece il 27 settembre 1969: il percorso partiva da piazzale Caiazzo (non lontano dalla stazione Centrale) fino a Cascina Gobba, all'altezza dell'omonimo cavalcavia, per un totale di 8 fermate. Grande novità di questa linea è che, per la pria volta, un tratto di metropolitana non era interrato: tra le fermate di Udine e Cimiano i treni risalivano in superficie e percorrevano il grande viale Palmanova fino al capolinea.

Nel 1970 la Linea 2 raggiunse la stazione Centrale, e successivamente anche la Stazione di Milano Porta Garibaldi.

Il 4 dicembre 1972 fu aperta la tratta Gobba/Gorgonzola: la Linea Verde proseguì quindi verso est e in superficie, raggiungendo altri comuni della provincia di Milano quali Vimodrone, Cernusco sul Naviglio, Bussero, Cassina de' Pecchi e, infine, Gorgonzola.

A questo punto i lavori si fermarono per ben 9 anni, dopodiché vennero aggiunte nuove fermate sulla Linea Rossa: il capolinea si sposto da una parte a Inganni (prima Gambara) il 18 aprile del 1975, e dall'altra a QT8 (prima Lotto) l'8 novembre dello stesso anno., per un totale di quattro nuove fermate per la "rossa". 

Anche la Linea Verde fu espansa ulteriormente qualche anno dopo, nel 1978.  A sud il capolinea diventò Cadorna (prima Garibaldi), punto di scambio con la Linea Rossa.

Nel 1980 si lavorò per espandere ancora la Linea 1 in direzione nord-ovest: furono inaugurate 3 nuove fermate, più il nuovo capolinea di San Leonardo, sito nel quartiere Gallaratese.

Nel 1981 fu ampliata ulteriormente anche la Linea 2: dalla fermata di Cascina Gobba, oltre che per Gorgonzola i treni potevano ora procedere in direzione Cologno Nord.

La metropolitana di Milano dagli anni Ottanta ai Duemila

Nel 1983 toccò al ramo sud della linea 2 essere allungato sino a Porta Genova FS. Mentre, nel 1986, furono aperti due nuovi capolinea della Linea Rossa, Molino Dorino, a nord-ovest, e Sesto FS, a nord.

IL 3 maggio 1990 viene finalmente inaugurata la Linea 3, o Linea Gialla: inizialmente collegava il Duomo con la Stazione Centrale, per poi raggiungere entro la fine dello stesso anno la zona di Porta Romana. L'anno successivo la tratta venne ampliata ulteriormente fino a collegare anche viale Sondrio e San Donato Milanese.

Negli anni seguenti si aggiunsero nuove fermate: la fermata di Maciachini divenne il nuovo capolinea della linea 3, fu inaugurata la stazione di Abbiategrasso e - successivamente - la fermata “rossa” di Rho-Fiera, in concomitanza con l'inaugurazione del Nuovo Polo Fieristico di Milano. Il 20 febbraio 2011 venne inaugurato il nuovo tratto della MM2, che si snodava da Famagosta ad Assago Milanofiori Forum, mentre il 26 marzo si aprì sulla linea MM3 la tratta Maciachini/Comasina. 

Nel 2013 venne inaugurata la nuova Linea Lilla (Linea 5), con una tratta che collegava le fermate di Zara e Bignami. L'anno seguente si aggiunsero le fermate di Isola e Garibaldi FS, per poi raggiungere nel 2015 anche lo stadio di San Siro. Con la successiva apertura al pubblico delle stazioni di  Portello, Cenisio, Gerusalemme, Monumentale e Tre Torri, la Linea Lilla poteva dirsi finalmente completa.

Nei prossimi anni, Milano vedrà l’apertura della Linea Blu. E il sistema di trasporti cittadino si farà ancora più efficiente.

Trova la casa giusta, sempre e ovunque

Scarica l'App per ottimizzare e gestire le tue ricerche

Scarica l'app Scarica l'app