Milano Design District: le zone del design milanese

Pubblicato il
13 maggio 2020
Categoria
Vivere a Milano
L'emergenza da coronavirus che ha colpito l’Italia, e molto duramente in particolare la città di Milano, ha senza dubbio avuto un forte impatto anche sulle attività legate alla dimensione artistica e culturale. Basti pensare al fatto che il celebre Fuorisalone – appuntamento tradizionale che, insieme al Salone del Mobile, costituisce la tanto amata Design Week - è stato annullato nella sua versione “fisica” e rimandato al prossimo anno. Ci sarà però un evento digitale in giugno sulla piattaforma Fuorisalone Digital, proprio per chi ne ha sentito molto la mancanza. E di sicuro ne hanno sentito la mancanza soprattutto gli abitanti dei Milano Design District, quei quartieri così chiamati per il proprio carattere artistico, per le tante manifestazioni legate alla cultura, all’arte e al design che vi hanno luogo nel corso dell’anno e, in particolare, di solito proprio nel periodo del Fuorisalone. Ma quali sono i Design District milanesi e come ci si vive? Andiamo a scoprire i principali. Tortona Design District In Tortona-Solari si respira arte ad ogni angolo: questo quartiere storico ha un’eleganza tutta milanese che si mescola con l’originalità un po’ alternativa dei tanti giovani che ci abitano. Vicina ai Navigli e stazione di Porta Genova, a due passi dal verde di Parco Solari, questa zona è ricca di studi di design, architettura e fotografia, botteghe di oggettistica originale, localini chic in un cui fare un aperitivo vegan-friendly, bakery in stile americano e anche tante location originali per eventi e vernissage. Lambrate Design District Ex quartiere industriale oggi in fase di rinnovo urbano, Lambrate è una zona davvero “cult” per gli amanti del design, del vintage e dell’arte in generale. Basti pensare che qui è nato un vero simbolo della cultura pop più alternativa, come la mitica Lambretta! Ben servito dai mezzi pubblici, vicino al verde ma ricco di vita e locali, sicuramente è un luogo perfetto dove vivere per giovani e studenti ma anche per coppie. Isola Design District Cosa dire di Isola che non sia già stato detto? Quartiere marginali e un poco degradato fino a una dozzina di anni fa, oggi è il cuore pulsante della nuova Milano, con i suoi grattacieli, i suoi eventi, l’integrazione del verde nel tessuto urbano grazie a progetti architettonici incredibili come il Bosco Verticale. Impossibile non innamorarsi delle forme estrose e del connubio di vetro, acciaio e acqua di Piazza Gae Aulenti, spesso sede di temporary store, flash mob e eventi non convenzionali. Bovisa Design District Forse nessuna città italiana meglio di Milano sa rivalutare e far davvero rinascere quartieri periferici e aree industriali. La Bovisa è sicuramente il perfetto esempio di come una zona quasi abbandonata possa trasformarsi in un vero polo di innovazione, sia dal punto di vista formativo che culturale. Qui, infatti, sorge una delle sedi del Politecnico di Milano, oltre a una delle principali stazioni della città, e lo status di design district è certamente meritato grazie al mood originale e alle tante opere di street art che colorano i muri della zona. Brera Design District Brera è il perfetto connubio tra temperamento artistico e stile “vecchia Milano”: eleganza e bon-ton si mescolano con un’atmosfera bohémien che fa pensare quasi a Parigi... ecco perché è ideale per le coppie, davvero un luogo romantico! Brera viene considerato il primo distretto del design italiano per numero e qualità di showroom presenti, sia grandi marchi che insegne locali dedicate all’arredamento d’interni, all’home décor, all’oggettistica di alto livello e molto altro.

Trova la casa giusta, sempre e ovunque

Scarica l'App per ottimizzare e gestire le tue ricerche