Villa Necchi Campiglio: storia e come visitarla

Pubblicato il
21 settembre 2020
Categoria
Vivere a Milano

Villa Necchi Campiglio è tra i gioielli architettonici di Milano. È un bene del FAI (Fondo Ambiente Italiano), ed è parte del circuito “Case museo di Milano”. 

Vuoi visitarla? Noi ti spieghiamo come fare.

Villa Necchi Campiglio a Milano: la storia

Sita al civico 14 di via Mozart, Villa Necchi Campiglio è casa di straordinari capolavori d’arte. La sua storia ha inizio negli anni Trenta del Novecento: a costruirla fu, tra il 1932 e il 1935, l’allora famosissimo Piero Portaluppi. E, a circondarla, è oggi un ampio giardino in cui trovano posto un campo da tennis e la seconda piscina che cronologicamente a Milano fu realizzata (la prima costruita su di un terreno privato).

Alla fine dell’Ottocento, la zona in cui oggi sorge Villa Necchi Campiglio era prevalentemente costituita da giardini e orti privati. La parte centrale dell’area attorno a via Mozart attirò l’attenzione di Angelo Campiglio e delle sorelle Necchi che - originari di Pavia - sognavano una casa a Milano. Così, negli anni Trenta acquistarono il terreno e affidarono la progettazione della villa a Piero Portaluppi. Villa che, tra il 1932 e il 1935, l’Impresa Gadola costruì. La moderna dimora, concepita come elegante e confortevole residenza, fu successivamente affidata all’operato dell’architetto Tomaso Buzzi. E il risultato è la splendida residenza che ancora oggi vediamo.

Dal 2001, anno in cui scomparve Gigina Campiglio, Villa Necchi Campiglio a Milano è di proprietà del FAI.

Come visitare Villa Necchi Campiglio a Milano

Circondata da un giardino silenzioso, Villa Necchi Campiglio custodisce straordinari capolavori d’arte, parte della Collezione Alighiero ed Emilietta de’ Micheli e della Collezione Claudia Gian Ferrari. Tra eleganti arredi e oggetti art déco trovano qui posto opere del Tiepolo e del Canaletto, di Sironi, di De Chirico, Martini e Wildt. Ma non solo: la villa si è negli ultimi anni arricchita con la collezione Guido Sforni, e coi suoi capolavori novecenteschi di artisti del calibro di Picasso, Fontana, Modigliani e Matisse.

Visitare Villa Necchi Campiglio significa soprattutto visitare le sue collezioni: quadri, arredi e suppellettili del XVIII secolo, oltre ai dipinti di famosissimi artisti. Ma non solo: anche l’architettura in sé è splendida, e lo è il giardino con le sue camelie e gli ellebori, una vera e propria oasi verde nel centro di Milano. 

Gli orari di Villa Necchi Campiglio? Dal mercoledì alla domenica, dalle 10.00 alle 18.00. A cinque minuti a piedi dalla fermata MM1 Palestro (a dieci dalla MM1 San Babila e a quindici dalla MM3 Montenapoleone), il biglietto d’ingresso per i non iscritti al FAI costa 14 €, 4 € dai 6 ai 18 anni, 7 € per gli studenti fino a 25 anni ed è gratuito fino ai 5 anni. Disponibile un pacchetto famiglia a 31 € (2 adulti e 2 o più bambini tra i 6 e i 18 anni), ma vi è anche la  possibilità di visitare unicamente il giardino: il biglietto intero, in questo caso, è di soli 4 €.

Villa Necchi Campiglio fa parte dell’itinerario “Di casa in casa” delle Case museo di Milano, insieme ai musei Poldi Pezzoli e Bagatti Valsecchi e alla Casa Boschi di Stefano.

Trova la casa giusta, sempre e ovunque

Scarica l'App per ottimizzare e gestire le tue ricerche

Scarica l'app Scarica l'app